Autofatture TD16/TD17/TD18/TD19

Modificato il Tue, 22 Nov 2022 alle 09:55 AM

A seguito dell'abolizione dell'esterometro, dal 01/07/2022 i dati dovranno essere comunicati attraverso le Fatture Elettroniche inviate al Sistema di Interscambio, sia per il ciclo attivo che per quello passivo.


Per le operazioni passive i codici <TipoDocumento> da valorizzare sono:

TD17: di integrazione/autofattura per acquisto di servizi dall’estero (intra o extra)

TD18: di integrazione per acquisto di beni intracomunitari

TD19: di integrazione/autofattura per acquisto di beni e servizi da non residenti (ex articolo 17 DPR 633/72).


L’invio delle autofatture con <TipoDocumento> TD16, da utilizzarsi per l’integrazione delle fatture in reverse charge interno, rimane facoltativo ma consigliato se si vuole usufruire delle bozze precompilate Iva.


Per l'integrazione dovete emettere autofattura scegliendo tra le tipologie presenti sulla piattaforma, quella più indicata, a seconda del tipo documento selezionato DocEasy riporta i dati del cedente nella sezione del cessionario, suggeriamo di rivolgervi al vostro commercialista per scegliere il tipo di documento più adeguato alle vostre esigenze.

Di seguito i dettagli di come deve essere compilata la fattura.


SEZIONE CEDENTE PRESTATORE:




P.IVA Paese: sigla ISO della Nazione (inserite la sigla ISO del paese estero dove il cliente è stabilito che ricordiamo deve essere diverso da IT)

P.IVA Codice: p.iva del cliente (potete inserire la p.iva italiana del cliente oppure una p.iva fittizia ad esempio 11 zeri)

Indirizzo: indicare l'indirizzo 

Civico: indicare il numero civico

CAP: 5 zeri

Comune: indicare il Comune

Provincia: indicare la provincia (in campo può contenere solo due caratteri, potete anche non inserirlo non è un dato obbligatorio)

Nazione: sigla ISO della Nazione


SEZIONE DATI DOCUMENTO:



DATI GENERALI

DATA: inserire la data di ricezione della fattura emessa dal fornitore estero (o comunque una data ricadente nel mese di ricezione della fattura stessa);

NUMERO DOCUMENTO: inserire la numerazione del documento suggeriamo di utilizzare una numerazione a parte con sezionale dedicato alle autofatture

DATI FATTURE COLLEGATE

ID DOCUMENTO: Inserire ID SDI attribuito dal sistema di interscambio, della fattura di riferimento o se non disponibile i dati della fattura per la quale faccio l'integrazione

DATA: Indicare la data della fattura di riferimento.


CORPO FATTURA:

 


Inserire  l’imponibile presente nella fattura inviata dal cedente e l’imposta calcolata dal cessionario o la Natura nel caso non si tratti di una operazione imponibile;

 

SEZIONE Dati di Pagamento:



Inserire gli stessi dati della fattura ricevuta

 

Se può esservi utile vi alleghiamo il link della guida per la corretta compilazione di questi documenti messa a disposizione dall'ade:

Guida fatturazione (agenziaentrate.gov.it)



Questo articolo ti è stato utile?

Fantastico!

Grazie per il tuo feedback

Siamo spiacenti di non poterti essere di aiuto

Grazie per il tuo feedback

Facci sapere come possiamo migliorare questo articolo!

Seleziona almeno uno dei motivi
La verifica CAPTCHA è richiesta.

Feedback inviato

Apprezziamo il tuo sforzo e cercheremo di correggere l’articolo